Logo IeD

Aiuti di Stato in era Covid: la loro natura giuridica e la loro struttura anche nella dimensione federalistica

Scritto da Maria Viscolo • lug 2022

Sintesi

La pandemia da Covid-19 ha avuto, in un lasso di tempo brevissimo, effetti devastanti sulla vita di milioni di individui; in poco tempo tutto è cambiato, tutto ha subito profonde modifiche e di conseguenza si è reso necessario un profondo adattamento al cambiamento per poter sopravvivere e superare una fase mai in precedenza affrontata.

Gli Stati colpiti immediatamente si sono adoperati attraverso un’intensa cooperazione per soccorrere a tali difficoltà con ogni mezzo, ed attraverso ogni attività utile a soddisfare lo stato di bisogno derivante dalla situazione emergenziale senza perdere di vista i principi dell’Unione europea ai quali ci si è dovuto allineare.

L'eterogeneità del mondo del lavoro interessato dagli aiuti di stato e la natura straordinaria della normativa, nonché la sua frammentarietà, hanno prodotto notevoli difficoltà nel definire in modo netto la corretta qualificazione dei singoli aiuti di stato riconosciuti; difficile è apparso dover individuare e ripartire le competenze relative alle modalità di attuazione delle politiche di sostegno da parte dell’ente centrale nonché dalle Regioni e dai Comuni.

I diversi livelli di governo, con un andamento intermittente, hanno cercato, con le proprie competenze, di far fronte ai bisogni dei cittadini nella consapevolezza del primato statale e del continuo ricambio normativo legato alla nuova realtà sociale ed economica.

Il presente contributo affronta la problematica relativa agli aspetti tributari e non degli aiuti riconosciuti dall’Europa allo stato centrale e poi a seguire alle Regioni e agli Enti locali con una particolare attenzione all’aspetto processuale delle competenze giudiziarie che scaturiscono dai vuoti lasciati dal legislatore europeo e nazionale.


Contenuto

Contenuto disponibile in PDF.

Clicca il pulsante in basso per scaricare l'articolo